BIBLIOTECA

La biblioteca d’istituto voluta fortemente dalla Dott.ssa Anna Maria Maetzke  e a lei dedicata, è nata per supportare e agevolare gli scopi e le attività istituzionali, è specializzata in storia dell’arte, architettura, pittura, arti applicate, urbanistica, restauro.

Il patrimonio librario conservato consta di circa 12.000 volumi, tra monografie e pubblicazioni periodiche.

Arricchiscono la biblioteca cataloghi di mostre, di musei italiani e stranieri, enciclopedie e repertori specialistici, una ricca sezione di monografie su artisti italiani e stranieri ed un’ampia sezione dedicata alla Toscana e alle province di giurisdizione della Soprintendenza.

Una sezione particolare è dedicata alla città di Arezzo e alle sue quattro vallate ricche di grande patrimonio Storico Artistico, Culturale e Paesaggistico.

Una sezione speciale è dedicata a Piero della Francesca alla sua opera nel territorio aretino e al restauro della Cappella Baci e del ciclo di affreschi della Leggenda della Vera Croce.

Le acquisizioni avvengono: per dono o acquisto da parte del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, per dono o scambio (si veda elenco pubblicazioni) con altri Uffici periferici del Ministero, enti locali, privati, banche, case editrici.

L’esiguità della dotazione finanziaria non consente un grande incremento del patrimonio librario  il programma di scambi e il richiedere opere in dono, inviando, ove necessario, le nostre pubblicazioni al momento è il modo per incrementare il materiale librario della biblioteca.

La biblioteca è organizzata in scaffali aperti, per argomenti, con uno schema proprio di classificazione ed è suddivisa in sezioni.

La ricerca del materiale librario avviene sia attraverso i cataloghi cartacei per autori, musei, mostre.

La consultazione è libera mentre il prestito è riservato ai funzionari della Soprintendenza e ai collaboratori esterni ed è concesso, con deroga della direzione, a studiosi e professori del Polo Universitario Aretino per 30 giorni con possibilità di rinnovo.

Agli utenti viene garantita assistenza per le ricerche e la consultazione ed anche la possibilità di fotocopiare, all’esterno dell’ufficio, il materiale librario, secondo le norme di legge e previo deposito di un documento di riconoscimento e registrazione sui modelli ministeriali.

Sono esclusi dal prestito e dalla possibilità di realizzare fotocopie i periodici, i manuali, le enciclopedie, i repertori e i volumi rari.


Referente
Dott.sa Roberta Piergiovanni