Area archeologica di Roselle, Grosseto

Forever Never Comes, metabolismo del tempo - dal 26/08 al 26/10/2017

Apertura
Tutti i giorni
(escluso 1 gennaio, 1 maggio e 25 dicembre, qualora non siano attivati progetti speciali)

Orario estivo
Dal 27 marzo
: dalle ore 10.00 alle ore 19.00 (ultimo ingresso ore 18.00)

Sono possibili variazioni dell’orario di apertura. Si consiglia di consultare questa pagina web  

Biglietto:
Intero
€ 4,00.
Ridotto
€ 2,00 (per i cittadini della Comunità Europea di età compresa tra i 18 e i 25 anni e per gli insegnanti a tempo indeterminato, dietro presentazione di documento attestante).
Gratuito
per tutti i minori di 18 anni, per gli studenti e i professori universitari il cui corso di laurea o insegnamento sia attinente ai Beni Culturali e per tutti la prima domenica del mese.


Galleria fotografica

IL  TERRITORIORoselle, ilcentro della città
In antico i fiumi costituivano fondamentali vie di comunicazione: ne sono una conferma i numerosi ritrovamenti archeologici lungo le vie fluviali.
L’Ombrone caratterizza idromorfologicamente le Province di Siena e Grosseto e, grazie ai suoi affluenti Arbia, Merse ed Orcia, aumenta durante il percorso la sua portata idrica. Probabilmente in antico  era atto alla navigazione per  parte del suo corso, tanto che Plinio il Vecchio lo definisce, nel III libro della Naturalis Historia, “navigiorum capax” (navigabile), mentre il poeta latino Rutilio Namaziano, che costeggia la zona nel 417 d.C. circa, lo ricorda come  “non ignobile flumen” (un fiume non trascurabile).
Parlando della valle dell’Ombrone, è necessario considerare anche la diversa conformazione geografica della costa maremmana; la pianura grossetana non esisteva, al suo posto era situato un seno di mare che è andato lentamente interrandosi: il “lago” Prile. La presenza del golfo e poi della laguna condizionarono positivamente le città, che in età etrusca si affacciavano su questo specchio di mare: Roselle e Vetulonia.
Il processo, che porterà nel corso dei secoli alla scomparsa del seno marino e alla formazione dell’attuale pianura maremmana, si deve all’addensamento dei detriti portati dall’Ombrone e dal Bruna, nonché alle correnti marine che trasformarono il lago Prile prima in una laguna e, solo molto più tardi (a partire probabilmente dall’età tardo-antica o alto-medievale), in palude, bonificata in tempi recentissimi sotto il dominio dei Lorena (XVIII-XIX secc.).     
 
LE FASI PIÙ ANTICHE 

Antichi ritrovamenti testimoniano che la valle dell’Ombrone fu frequentata da gruppi umani fin dall’Età Preistorica. Reperti pertinenti al Paleolitico sono stati rinvenuti presso la grotta “La Fabbrica”, che si apre sul versante occidentale dei Monti dell’Uccellina, e a Poggio Calvello, presso Grosseto.
Di recente, nell’area di Poggetti Vecchi è stato indagato un importante sito preistorico con più livelli di frequentazione umana, gli ultimi dei quali riferibili al Paleolitico medio, con abbondanti strumenti in pietra (industria litica), reperti lignei, resti di elephas antiquus e di altre specie animali.   Si tratta di un sito caratterizzato già in antico dalla presenza di acque termali, come indica la natura dei sedimenti indagati in cui ricorrono depositi di tipo “travertinoso”.  E’ probabile che l’area indagata corrispondesse ad un’antica linea di riva di un bacino fluvio-lacustre, dove gli uomini preistorici si erano insediati in momenti successivi, creando anche - in alcune fasi d’occupazione - delle specie di strutture di bonifica, probabilmente per svolgere le occupazioni connesse con l’attività venatoria, rivolta in particolare all’elephas antiquus, di cui sono stati scavati numerosi resti riferibili a più individui. Oltre ai resti di grandi mammiferi, molto abbondante è stato il ritrovamento di microfauna e di malacofauna, oltre che di resti botanici, reperti tutti di grande importanza per definire l’habitat naturale dell’epoca e fornire un inquadramento cronologico delle diverse fase di frequentazione del sito.  
L’industria è abbondante in tutti i livelli indagati, in massima parte realizzata su materia prima locale, con strumentario sia di grandi che di piccole dimensioni.
Interessante è la conservazione nel livello antropico inferiore di molti resti lignei - ancora in fase di restauro -, alcuni dei quali sembrano recare tracce di lavorazione.  

Poggetti Vecchi: il rinvenimento di una zanna di elefante Poggetti Vecchi: il rinvenimento di una zanna di elefante
 
Il Neolitico compare, invece, nell’area di Roselle, dove sono state rinvenute asce di pietra levigata.  
L’Età del Rame è attestata nei pressi di Montepescali (Grotta del Fontino) e vicino a Sticciano (Grotta Lattaia).
In Età Protostorica, il territorio circostante Roselle  appare occupato da una serie di piccoli insediamenti: si conoscono, relativamente all’Età del Bronzo Finale, l’abitato sul Poggio di Moscona e Poggio Diaccialone, nei pressi di Nomadelfia, da porre forse in rapporto con l’abitato del vicino Colle delle Macinaie, oltre all’insediamento di Poggio Calvello, presso Grosseto.
Non abbiamo ancora notizie sufficienti per ricostruire un quadro organico del popolamento, in età protostorica, nell’area dove sorgerà Roselle. Sembra comunque che, nell’Età del Ferro, l’area fosse occupata da insediamenti di piccole dimensioni, probabilmente abitati per periodi relativamente brevi.


ROSELLE: STORIA DI UNA CITTA’ ETRUSCA E ROMANA
Roselle era situata in una posizione geografica particolarmente interessante: dominava il versante sud/orientale del “lago” Prile, via naturale di comunicazione con il mare e le città costiere, mentre il fiume Ombrone, presso la
cui foce Roselle sorgeva, rendeva possibile il commercio con la Val d’Orcia e le città dell’Etruria interna.  

La collina di Roselle vista dall’alto La collina di Roselle vista dall'alto
 
Anche se sono attestate tracce di frequentazione di età preistorica e protostorica, Roselle venne organicamente abitata dalla prima metà del VII sec. a.C., probabilmente a seguito di un fenomeno di sinecismo, che interessò i gruppi umani che abitavano i villaggi posti sulle alture circostanti. Le motivazioni, che portarono nel VII sec. a.C. alla scelta di quest’area per un insediamento urbano, possono individuarsi nell’ampio e fertile entroterra adatto
alla coltivazione, nella possibilità di controllare determinate vie di comunicazione e nella naturale possibilità di difesa del luogo.  
Nell’ambito delle fonti letterarie su Roselle, ci sembra particolarmente importante ricordare Dionigi di Alicarnasso, che la nomina insieme a Chiusi, Arezzo e Volterra per aver promesso aiuti ai Latini contro Tarquinio Prisco alla fine del VII sec. a.C.. La notizia può con probabilità suggerire che Roselle fosse già organizzata come città in età orientalizzante, dal momento che era in grado di fornire forze militari al pari di altri centri etruschi ricchi, prosperosi e di antica fondazione. Strutture archeologiche lo confermano: al VII sec. a.C. risalgono, infatti, i resti di importanti muri di terrazzamento con alzato in mattoni crudi  nell’area della collina Nord, in prossimità della più recente cinta muraria. Di epoca orientalizzante è anche “l’edificio con recinto”, recentemente interpretato come luogo di culto o sede del potere, localizzato nella valletta fra le due colline, ove in età romana sorgerà il foro.
Nel VI sec. a.C. la città ebbe un notevole sviluppo, come dimostra la maggiore importazione di ceramica attica, che aumentò progressivamente dall’ultimo quarto del VI secolo, rivelando come Roselle fosse ormai un importante centro urbano, collegato a circuiti commerciali e culturali ampi e strategici.   
Al VI sec. a.C. risale inoltre il principale complesso monumentale etrusco rosellano: la cinta muraria, lunga più di tre chilometri, costruita con enormi  blocchi litici commessi a secco (c.d. opera poligonale di II tipo), ancora oggi visibile e fruibile  per lunghi tratti, che si snoda recingendo ambedue le colline, creando gli opportuni collegamenti con il territorio circostante attraverso le porte urbiche e la relativa viabilità.  
In questo periodo, le due colline e la valletta intermedia erano ampiamente urbanizzate, pur conservando – per quanto si può dedurre dalle indagini archeologiche effettuate finora – una fisionomia fra loro diversa: sulla collina settentrionale furono realizzati per lo più edifici privati (c.d. casa dell’impluvium); su quella meridionale si concentrarono, invece, strutture di tipo artigianale (forni).
La vita continua a Roselle anche in età classica ed ellenistica, sia sulla collina sud che sulla collina nord, dove - nonostante la profonda alterazione operata nel I sec. d.C. per la costruzione dell’anfiteatro - si riscontrano allineamenti di strutture pertinenti a epoche diverse (età arcaica, classica, ellenistica) e si può pertanto ipotizzare  continuità e coerenza nello schema urbanistico adottato. Nell’area del fondovalle, le strutture relative ad un edificio templare e reperti di importazione costituiscono una ulteriore conferma dell’utilizzazione dell’area durante il  V e IV sec. a.C..  
Livio ricorda che nel 294 a.C.  Roselle viene conquistata da Roma, ad opera del console Lucio Postumio Megello.  L’archeologia non documenta questa data e le testimonianze dei primi due secoli dopo la conquista sono scarse. Uno strato derivante da un incendio, datato ai primi decenni del I sec. a.C., fa ritenere che anche Roselle sia stata coinvolta nelle distruzioni operate da Silla nel corso della lotta contro Mario, così come era accaduto ad altre città etrusche (Talamone, Vetulonia, Populonia, Volterra e Fiesole).  
Con la Lex Iulia e con la Lex Plautia-Papiria, gli abitanti di Roselle, sottomessi da Roma, furono inseriti nella tribù Arnensis e divennero a tutti gli effetti cittadini romani. Lo strumento principale della romanizzazione dei territori conquistati era la colonizzazione, che aveva due scopi: controllare il territorio conquistato e respingere gli
attacchi esterni. A sud di Roselle la colonia di Cosa costituisce un esempio di come la colonizzazione investisse, oltre al centro urbano, l’intero territorio, con infrastrutture quali ponti, strade, porti e con la centuriazione agraria.  
In età romano-imperiale Roselle fu  interessata da un’intensa attività edilizia e monumentale, prodotto della protezione augustea e dell’evergetismo di potenti famiglie locali (i Vicirii, i Bassi).  
Alla città conquistata venne attribuito il titolo, ormai puramente onorifico, di colonia, testimoniato sia da fonti letterarie (Plinio il Vecchio, Nat. Hist., III 51) che da attestazioni epigrafiche, quali l’iscrizione Pub.(lica)Col(onia)Rus(ellana  stampata su condutture in piombo per l’acqua poste nel centro cittadino. Ad età imperiale risale dunque la maggiore monumentalizzazione della città, contestualmente ad una ripresa economica favorita dalla politica imperiale: sono riferibili a quest’epoca l’anfiteatro, il monumentale complesso forense, le basiliche sul lato settentrionale della piazza, le terme.  
Nella tarda età imperiale, Roselle fu soggetta alla decadenza che investì progressivamente tutte le città romane: in questo periodo i complessi architettonici furono per lo più riutilizzati, alterandone conseguentemente l’aspetto e modificandone la funzione originaria.
 
Nel V sec. d.C. Roselle fu sede vescovile e doveva comprendere una vasta diocesi: il primo vescovo noto è Vitaliano, nel 499 d.C.. Fra la fine del VI sec. d.C. e i primi decenni del VII d.C. la città fu interessata dalla conquista longobarda (castrum).
Nel 787 Carlo Magno donò i territori di Populonia, Roselle e Sovana a Papa Adriano, ma tale donazione fu eseguita limitatamente a Sovana, poiché il controllo del Sacro Romano Impero continuò nei confronti di Roselle mediante il fedele episcopato di Lucca che ne era proprietario fin dal periodo longobardo. Nell’anno 862 il vescovo di Lucca, della famiglia degli Aldobrandeschi, permutò alcuni beni - e fra questi Roselle - con altri più vicini e quindi più facili di amministrare, appartenenti al fratello. Da questo momento la storia di Roselle è strettamente legata alle vicende della potente famiglia degli Aldobrandeschi.
In età medievale, Roselle era comunque ridotta ad un piccolo centro e non occupava certamente l’area di quella che era stata la città romana imperiale. Nel 1138 una bolla di Papa Innocenzo II (1130-43) sancì il trasferimento della diocesi nel vicino centro di Grosseto, la cui esistenza è testimoniata fin dall’inizio del IX secolo. Il decreto determinò la fine della civitas di Roselle, che da allora, nominata come castrum, fu progressivamente abbandonata.
Il territorio di Roselle seguì le sorti dell’intera Maremma: nel 1243 Siena, per la fedeltà dimostrata ai Ghibellini, ottenne dall’Imperatore Federico II di Svevia (1220-50) l’investitura dei territori degli Aldobrandeschi. Fu questo il precedente che rese giuridicamente legittime le mire espansionistiche di Siena, che progressivamente si sostituì alla potente famiglia nel controllo della Maremma. Roselle, nonostante sporadiche frequentazioni persistenti fino al XVII secolo, abbandonata dai pochi abitanti rimasti, si ridusse ad “una solitudine selvaggia di pietre e di cespugli spinosi – tana della volpe e del cinghiale, del serpe e della lucertola – visitata solo dal mandriano e dal pastore….”. Così la vide George Dennis, diplomatico ed erudito inglese del XIX secolo, in occasione di una visita in Maremma.
 
ITINERARIO
Le necropoli  Le necropoli, collocate in un’ampia area circostante la città antica, all’esterno del perimetro murario, furono in uso per un lungo periodo di tempo, dall’età etrusca orientalizzante all’epoca romana.
A Roselle, per quanto riguarda il periodo etrusco, abbiamo sostanzialmente attestazioni di tre tipi di tombe: a camera, a pozzetto, a fossa. Lungo la fascia ovest delle mura di cinta si possono notare sepolture del tipo a camera, ma scavate nella roccia, per le quali si può pensare ad una datazione in età ellenistica.  
Tombe “alla cappuccina” sono invece riferibili alla fase romano-imperiale.  

Necropoli del Serpaio, tomba a camera con tumuloNecropoli del Serpaio, tomba a camera con tumulo
 
La necropoli del Serpaio è situata lungo la strada carrozzabile che conduce alla città antica e  che approssimativamente ricalca un antico tracciato: si conserva una tomba a tumulo, costituita da un alto tamburo che circoscrive un rilievo emisferico, al centro del quale si apre una fossa rettangolare che racchiude le strutture perimetrali di una piccola camera sepolcrale. Sulla medesima strada si affacciano resti di tombe a camera di piccole dimensioni, del tipo diffuso a Roselle: si tratta di  ipogei con un’unica camera a pianta quadrangolare, un dròmos per accedervi e copertura a lastre in aggetto. Il tipo è attestato alla fine del VII - inizi VI sec. a.C., ma è nota la loro utilizzazione fino all’età ellenistica. La cinta muraria si snoda per più di 3 km lungo le pendici delle due colline, adeguandosi sia alle asperità del terreno che alle esigenze di tipo strategico. L’altezza massima che si conserva nella fascia nord è di 5 metri. Nell’edificazione delle mura sono stati utilizzati blocchi di pietra provenienti da cave locali.
Il materiale da costruzione varia da zona a zona, secondo la disponibilità della roccia presente nell’area retrostante il tratto di mura in edificazione.  

Il percorso lungo le mura di cintaIl percorso lungo le mura di cinta
 
La costruzione è in opera poligonale fondata sulla viva roccia. I paramenti esterni sono costituiti da grossi blocchi rozzamente sbozzati, mentre il drenaggio interno consta di una fodera di pietre più piccole miste a terra.  
Di queste notevoli mura di cinta – rimaste in uso per molti secoli – si conservano lunghi tratti ad est, a nord, a nord-ovest; in base alle indagini archeologiche, questa antica cinta muraria è databile al VI sec. a.C.
Nelle zone a ovest e sud-ovest, le mura si caratterizzano per la presenza di blocchi di minori dimensioni, di forma pressoché parallelepipeda, che tendono a disporsi su filari orizzontali. Si tratta di un rifacimento di età ellenistica (IV sec. a.C.), poiché il pendio della collina, in quel punto particolarmente accentuato, e la pressione del riempimento interno di terra, avevano provocato  dissesti.
Lungo il circuito murario si aprivano almeno 7 porte, ipotizzate sulla base di foto aeree, ma solo quattro sono state messe in luce: due, a nord e a nord-est, sono caratterizzate da un accesso a camera, mentre le altre due, che si aprono rispettivamente sui lati est ed ovest, sono del tipo porta scea.
Una parte significativa della cinta muraria è aperta nel tratto: Ingresso Scavi – Anfiteatro. Una volta percorso il tracciato delle mura, si arriva alla cosiddetta “casa dell’impluvium”, un edificio domestico di fine VII-V sec., che costituisce un esempio particolarmente significativo di casa etrusca con pozzo.
L’area centrale   Il piano di calpestio della piazza forense di età romana fu ottenuto con una colmata artificiale, che rialzò il livello d’uso attenuando i pendii delle due colline, originariamente più scoscesi ed uniti in uno stretto fondo valle.  
Si può osservare, infatti, la differenza di quota tra la pavimentazione del fòro e i livelli su cui sorgono le adiacenti costruzioni etrusche orientalizzanti e arcaiche.  

Le mura di cinta, l’area centrale e la collina settentrionale viste dall’altoLe mura di cinta, l’area centrale e la collina settentrionale viste dall’alto
 
Quest’area è particolarmente importante, poiché gli scavi, con stratigrafie che talora raggiungono i 6 metri di profondità, hanno messo in luce testimonianze ininterrotte di vita dal VII sec. a.C., per tutta l’età etrusca e  fino all’età romana e oltre. E’ infatti in questa valletta, compresa fra le due colline, che sembrano collocati, nel corso dei secoli, gli edifici di maggior prestigio e con funzione pubblica. Nella parte settentrionale della piazza, dove le lastre pavimentali del fòro mancano (perché oggetto di spoliazioni), è stato possibile raggiungere i livelli più antichi e metterne in luce le strutture. Qui si può incentrare l’attenzione sul cosiddetto “edificio con recinto”, nonché su quello “a due vani”, adiacenti fra loro e protetti da tettoia.
“L’edificio con recinto” è un monumento del periodo etrusco orientalizzante, costituito da un vano internamente ovale ed esternamente rettangolare, con due recinti, uno nella parte meridionale, l’altro in quella
settentrionale. La struttura, realizzata con mattoni in argilla cruda seccati al sole aveva il pavimento in argilla battuta ed il tetto in strame. Il vano ovale, al momento dello scavo, fu interpretato come una casa; l’ipotesi sembrava convalidata dai reperti provenienti dal recinto, in gran parte riferibili al lavoro domestico: pesi da telaio, vasi da mensa e da dispensa, ecc.. Il medesimo edificio, recentemente, è stato reinterpretato come luogo di culto, in base a motivazioni architettoniche, urbanistiche e di contesto.
“L’edificio a due vani”, datato al VI secolo a.C.,  è costituito da due ampie stanze rettangolari, divise da un tramezzo. I muri perimetrali sono formati da pietre collegate fra loro e rivestite con argilla; il muro divisorio, in mattoni crudi, è ricoperto da intonaco. Resti di tegole e coppi, trovati sul pavimento, fanno supporre che il tetto fosse stato realizzato in laterizi. L’edificio è stato interpretato come abitazione, ma l’ampiezza della costruzione farebbe pensare, anche in questo caso, ad una probabile funzione pubblica; l’ubicazione nell’area centrale della città potrebbe costituirne una conferma. In età augustea si delineò una ripresa dell’attività edilizia, concentrata particolarmente nell’area centrale, al di sopra di una grande colmata artificiale, che costituì la base su cui  venne edificato il foro, modesto in origine ma soggetto a progressivi ampliamenti.
 

L’area del Foro e le botteghe lungo il decumano viste dall’altoL’area del Foro e le botteghe lungo il decumano viste dall’alto
 
Il fòro, quale è giunto fino a noi, risale al I sec. d.C. ed ha un aspetto più monumentale rispetto a quello precedente. La piazza forense è pavimentata con grandi lastre in travertino. Il lato orientale è delimitato dal cardo maximus, che secondo un’inconsueta soluzione termina nel punto d’incontro con il decumanus, formando con questo un angolo retto. Con tale variante s’intendevano probabilmente rispettare preesistenze urbanistiche od adeguarsi alle asperità del luogo. Nel lato occidentale, invece, la piazza si affaccia scenograficamente sulla pianura.
Nell’area nord-occidentale del Fòro è situato un edificio rettangolare con abside aperta sul lato corto, mentre sui lati lunghi dell’edificio sono ricavate tre nicchie, un tempo destinate, come l’abside, ad ospitare statue marmoree.  
Un altro edificio si affianca al primo ed è costituito da due vani rettangolari; accanto a questo altri due edifici - sempre destinati a culti – sono stati recentemente oggetto di scavo. Gli ambienti non si affacciavano direttamente sul fòro, ma comunicavano con questo mediante un grande portico.  

La Basilica dei Bassi  sul lato settentrionale del ForoLa Basilica dei Bassi  sul lato settentrionale del Foro
 
Particolarmente importante appare l’edificio con abside, entro il quale sono state trovate statue di marmo, alcune delle quali presentano le iscrizioni Bassus, Bassus Avos, dalle quali deriva la denominazione corrente di Basilica dei Bassi. La costruzione dell’edificio risale al I sec. d.C. e si presume che abbia avuto in un primo tempo una destinazione pubblica, forse collegata al culto imperiale. In seguito (forse nel  II-III sec. d.C.) fu probabilmente sottratto alla sua originaria funzione pubblica e riutilizzato da una potente famiglia locale come ambiente di rappresentanza, che alloggiava una galleria di statue riproducenti personaggi dello stesso gruppo familiare dei Bassi.  
Ad est del fòro si erge “la basilica” romana, uno dei fulcri della vita pubblica, a pianta rettangolare con colonnato interno. Mediante una scaletta si accede al tribunal sopraelevato. L’alzato è caratterizzato da una complessità di tecniche murarie: opus reticulatum ed opus vittatum con ricorsi in laterizio, di cui resta come esempio visibile una limitata porzione di parete.
Nel lato meridionale si situa la sede del Collegio dei Flamines Augustales, costituita da un’aula rettangolare con abside. Sulle pareti si aprivano alcune nicchie che ospitavano statue raffiguranti componenti della famiglia Giulio-Claudia, mentre due basamenti presso l’abside sorreggevano le statue dell’imperatore Claudio e di Livia, oggetto
di un culto. Nell’edificio sono state rinvenute dediche firmate da Vicirio Pròculo, notabile locale, membro della potente famiglia rosellana dei Vicirii. Questo elemento riflette una precisa politica degli imperatori della dinastia Giulio-Claudia che, per mantenere il controllo di determinate colonie, si appoggiavano a potenti famiglie locali. Le iscrizioni firmate da Vicirio Pròculo e le statue rinvenute sono attualmente conservate presso il Museo di Grosseto.
Accanto a questo edificio sorgeva un piccolo tempio (c.d. tempietto italico) su basso podio, in antis, con una coppia di colonne sulla fronte, ai lati di una scala centrale. La struttura è probabilmente pertinente all’età claudia.  

Il tempietto italico nell’area del ForoIl tempietto italico nell’area del Foro 
 
Nell’area sud del Fòro, con entrata sul cardo maximus, si apre la “domus dei mosaici”, che costituisce un esempio tipico di abitazione romana. La prima fase edilizia risale all’età tardo-repubblicana, ma l’edificio fu soggetto a restauri e rifacimenti in epoche successive. L’ingresso si apre ad oriente, sulla strada lastricata, da dove, mediante il vestibolo, ci si immette nell’atrium dotato di impluvium centrale. A destra ed a sinistra si aprono vani laterali (alae) ed in fondo il tablinum. Nella parte posteriore della domus si apre il peristilio, che si affaccia scenograficamente sulla vallata.   
Successivamente, in età tiberiano-claudia, furono aggiunte piccole terme nella parte meridionale della domus; possiamo distinguere, nella seguente successione, le stanze adibite a frigidarium, tepidarium, calidarium e laconicum, oltre ad ambienti di servizio.
 Interessante è la tecnica edilizia, che si avvalse dell’uso di calce come legante delle murature, tecnica costruttiva quasi assente nelle costruzioni rosellane di età precedente. Le pavimentazioni sono di vario tipo: a mosaici con tessere bianche e nere, in opus sectile, mentre in uno degli ambienti caldi delle terme restano mattoni bipedali.  
Nel III-IV sec. d.C. si installò nella domus l’officina di un fabbro.  

La Domus dei Mosaici vista dall’altoLa Domus dei Mosaici vista dall’alto
 
La collina nord    La collina nord è dominata dall’anfiteatro, che ha forma ellittica, dimensioni piuttosto modeste ed è dotato  di quattro accessi, due scoperti e due con volta a botte. Al centro, sull’asse maggiore, è possibile individuare quattro blocchi in pietra posti a distanza regolare, che avevano la funzione di sorreggere il velarium.  
La tecnica muraria usata è l’opus reticolatum, che suggerisce una datazione nel I sec.d.C. In età medioevale l’anfiteatro fu riutilizzato come edificio fortificato, probabilmente per lo spessore delle murature e per la
posizione elevata. Resti dei muri medioevali che lo inglobano sono visibili sul lato ovest, a ridosso dell’ingresso maggiore, che si apre in quel punto. Una frequentazione in età più recente, fino al XVI-XVII sec, è testimoniata infine da frammenti ceramici.
Le strutture dell’anfiteatro, sempre emergenti, attirarono l’attenzione degli studiosi già nel 700 e furono oggetto dei primi scavi condotti a Roselle ( nel 1774), in seguito pubblicati da Leonardo Ximenes, noto ingegnere idraulico e gesuita, che si occupava del problema del degrado della Maremma, nel quadro dei progetti di bonifica voluti dai lungimiranti granduchi Lorena.
L’anfiteatro fu impostato su edifici preesistenti, con la conseguente distruzione di parte di essi.
Alla destra dell’ingresso meridionale sono stati messi in luce resti di una casa etrusca della fine del VII sec. a.C., che documenta l’occupazione urbanistica dell’area fin dalle origini della città.  

L’anfiteatro sulla collina settentrionaleL’anfiteatro sulla collina settentrionale
 
L’occupazione in età ellenistica è invece testimoniata dai resti di una casa posta sulla sommità della collina, le cui strutture sono in parte coperte dall’anfiteatro stesso. La planimetria dell’abitazione è quella caratteristica delle domus di età romana: l’atrium al centro, ai lati le alae, in fondo il tablinum, mentre l’ingresso si apriva probabilmente a sud. Le strutture sono a secco con scaglie di pietra irregolare, coperte da spesso strato d’intonaco; i pavimenti in calce e coccio pesto sono preceduti da una preparazione di pietrisco e terra battuta. Si trattava presumibilmente di una lussuosa abitazione, costruita tra la seconda metà del III e il II sec. a.C., come farebbero pensare gli affreschi
alle pareti,  nonché le modanature sull’intonaco, in corrispondenza del pavimento, ed i sostegni in lastre marmoree.
La collina sud  Quest’area è caratterizzata da un  quartiere di abitazioni di età ellenistica sovrapposto ad un altro di età arcaico-classica. Delle strutture arcaiche sono interessanti, in particolare, una abitazione di due vani ed alcuni forni per la cottura della ceramica, realizzati mediante piccole pietre, con rivestimento interno di argilla. Probabilmente, in quest’area, in età arcaica aveva sede un quartiere artigianale, tenuto conto anche del fatto che il luogo, particolarmente ventilato data la disposizione a settentrione, favoriva tale utilizzazione.  
In epoca ellenistica la zona era occupata da abitazioni private, distribuite lungo una strada acciottolata e disposte su terrazze, costruite tagliando la roccia. I muri sono costruiti a secco con rivestimenti ad intonaco; i pavimenti sono in cocciopesto e in opus signinum. Tutto l’abitato era attraversato da una fitta rete di canalizzazioni idrauliche.
Monumentale è una grande cisterna di età romana, totalmente scavata nella roccia con volte ad opus incertum ed interamente rivestitea di malta idraulica.  


La doppia cisterna sulla collina meridionaleLa doppia cisterna sulla collina meridionale
L’area delle terme Quest’area è occupata da un complesso architettonico di età romana, coperto da pesanti stratificazioni alto-medievali, relative a costruzioni che si susseguirono nel tempo sopra il primo impianto.
Caratteristica è una grande natatio, che probabilmente svolgeva le funzioni di un secondo frigidarium; contigua è un’ala ad “elle”, munita di una serie di ambienti in cui è possibile distinguere, partendo da oriente, un frigidarium con vasca a cui si accede tramite scalette, un tepidarium, un laconicum ed infine il calidarium con abside. Recentemente, di fronte alla natatio è stata messa alla luce anche la palestra.
 La tecnica costruttiva è l’opus mixtum che induce a supporre una datazione agli inizi del II sec.d.C.  



Il complesso delle terme adrianee  riutilizzato come chiesa in età altomedievaleIl complesso delle terme adrianee  riutilizzato come chiesa in età altomedievale
Le terme erano pavimentate con mosaici bianchi e neri composti in temi marini, di cui restano soltanto fotografie effettuate in occasione degli scavi degli anni Quaranta. In età alto-medievale, una chiesa venne impostata sopra i resti dell’edificio termale, sfruttando le strutture preesistenti. La vasca centrale fu colmata e il tutto fu ricoperto da un pavimento.  All’esterno della chiesa, a stretto contatto con essa, sorse un ampio cimitero strutturato a terrazze, che rimase in uso per secoli.



Mappa_n

Guida

a cura di Gabriella Poggesi

Fotografie di Paolo Nannini
Mappa della città con percorso per i visitatori di Fiora Giovino


Izi Travel audioguida



scarica l'App gratuita e ascolta l'audioguida


Per conoscere Roselle,  si raccomanda una visita al Museo archeologico di Grosseto, dove tutto il piano terra è dedicato ai risultati degli scavi effettuati dalla Soprintendenza in oltre sessanta anni di attività.

Si ricorda che il visitatore che esibisce il biglietto d'ingresso al Parco di Roselle entra al Museo archeologico di Grosseto con una riduzione.

MAAM